mercoledì , luglio 26 2017
Home / Linux / Come ottimizzare e comprimere immagini JPEG con il terminale
Jpegoptim banner

Come ottimizzare e comprimere immagini JPEG con il terminale

Tutti quanti ormai abbiamo “tonnellate” di immagini che scattiamo ogni giorno e spesso abbiamo bisogno di ottimizzare e comprimere queste immagini prima di poterle inviare per email o sul nostro servizio cloud preferito.

E’ anche vero che esistono tantissimi tool dotati di interfaccia grafica che ci permettono di eseguire l’ottimizzazione e la comprensione delle immagini, ma spesso richiedono più tempo di un semplice comando dato tramite il terminale e poi diciamocelo chiaramente il terminale ha sempre il suo fascino.

In questa breve guida andremo a vedere come usare jpegoptim, un utility che ci permette di ottimizzare e comprimere i file jpeg senza perdita di qualità.

Jpegoptim è un tool a linea di comando che può essere usato per ottimizzare e comprimere i file JPEG, JPG e JFIF senza una perdita di qualità tangibile.

Questo tool infatti supporta una ottimizzazione lossless, che è basata sull’ottimizzazione delle tabelle di codifica di Huffman.

Per prima cosa dobbiamo installare jpegoptim sul nostro sistema ( in questo esempio usiamo Ubuntu ma il tool esiste anche per tutte le altre distro), tramite il comando:

sudo apt install jpegoptim

Dopo aver installato il tool andiamo a vedere come utilizzarlo.

Come usare Jpegoptim

La sintassi di jpegoptim è:

jpegeoptim nomefile.jpg

o se vogliamo aggiungere delle opzioni:

jpegoptim [opzioni] nomefile.jpg

Ma andiamo a vedere un insieme pratico e semplice.

Decidiamo per esempio di voler comprimere il file fastbyte.jpg, che è presente all’interno della cartella Immagini.

Per prima cosa entriamo nella cartella immagini tramite il comando:

cd Immagini/

Adesso controlliamo prima di fare l’ottimizzazione e la compressione la grandezza della nostro immagine fastbyte.jpg tramite il comando:

du -sh fastbyte.jpg

jpegoptim1

Come potete vedere dall’immagine il file originale ha un peso di 8,3 MB.

Adesso andiamo a comprimere l’immagine tramite il comando:

jpegoptim fastbyte.jpg
jpegoptim2
jpegoptim2

Come potete vedere nello screenshot, l’immagine e passata da 8,3 MB a 7,8 MB, in questo caso con una riduzione del 5,70%.

Adesso se apriamo l’immagine in questione con un qualsiasi visualizzatore di immagini potremmo vedere come la qualità della foto non dovrebbe essere cambiata per niente.

Il comando che abbiamo usato ottimizza e comprime le immagini alla massima grandezza possibile.

Tuttavia, possiamo anche comprimere una immagine ad una specifica grandezza, ma in questo caso verrà disabilitata la lossless optimization e quindi avremo anche una perdita di qualità.

Per comprimere un immagine ad una specifica grandezza utilizziamo il comando:

jpegoptim --size=500k fastbyte.jpg

Usando l’opzione –size=500k, abbiamo detto al tool di comprimere l’immagine alla grandezza di 500 kb.

In questo caso la perdita di qualità in confronto all’originale è tangibile, ma l’immagine è ancora di una qualità sufficiente per essere tranquillamente utilizzata sul web.

Ma utilizzare un tool come questo solo con una immagine alla volta e molto riduttivo e poco utile.

Jpegoptim permette infatti di comprimere e ottimizzare anche più immagini in un colpo solo.

Per farlo basta entrare nella cartella dove sono presenti le immagini che vogliamo comprimere e dare il comando:

jpegoptim *.jpg

Per una guida completa a tutti i comandi e alle opzioni presenti potete leggere le pagine man tramite il comando:

man jpegoptim

About Giuseppe Pignataro

GNU/Linux Jedi and Technology Lover. I collaborate on different open/free software project. Member of EFF and Libreitalia. Network and Sys Admin.

Check Also

Swap file ubuntu

Come Windows, anche Ubuntu 17.04 usa un file di swap

Se avete scaricato e installato l’ultima versione di Ubuntu, la 17.04, una delle nuove caratteristiche …