domenica , giugno 25 2017
Home / Varie / 9 alternative gratuite a Google Drive su Linux
alternative_google_drive

9 alternative gratuite a Google Drive su Linux

Google Drive è una delle soluzioni di cloud storage più note in ambito informatico, e viene usato ogni giorno da milioni di persone in tutto il mondo.

Gli utenti GNU/Linux però hanno qualche difficoltà in più ad usare il servizio made in Google in quanto non esiste un client ufficiale ma sono comunque disponibili soluzioni di terze parti come Insync.

Ma per quanto Google Drive possa essere famoso, non è l’unica soluzione.


In questo breve articolo andremo a vedere le altre soluzioni che sono disponibili e che hanno anche un client ufficiale per le distro del pinguino.

1. Dropbox

Dropbox è probabilmente uno dei servizi di cloud storage più noti ed usati al mondo ed è una valida alternativa, ed sotto alcuni aspetti anche migliore di Google Drive.

Per gli account basic, quello gratuito, si hanno a disposizione circa 6 GB di spazio ma è possibile espandere questo spazio a disposizione fino ad un massimo di 16 GB tramite un programma di referral.

2. SpiderOak

SpiderOak è un servizio di cloud storage criptato che oltre a permettere l’accesso ai dati permette anche l’uso di un sistema di chat di gruppo integrato e da la possibilità di condividere i file in modo sicuro.

Lo spazio a disposizione dell’utente però è davvero minimo in quanto è solo di 2 GB.

Se non avete grandi esigenze e volete un sistema molto sicuro e che si integra perfettamente con la vostra Linux box, SpiderOak può essere un ottima soluzione.

3. Mega

Mega è un altro buon servizio da usare al posto di Google Drive. Integra un buon sistema di criptazione, non hai livelli di SpiderOak, e offre ben 50 GB di spazio gratuito.

Il suo client desktop è un po’ pesante e può influire abbastanza sulle performance del vostro PC.

Ma se avete un computer abbastanza potente e una buona connessione ad internet questo non dovrebbe essere un grosso problema.

Il suo client desktop al momento supporta Debian, Ubuntu, OpenSUSE, e Fedora.

4. Tonido

Tonido è un servizio di Cloud storage che vi permette di salvare i vostri file nel cloud e di renderli accessibili da remoto in modo sicuro tramite un link facile da ricordare, per esempio “http://john.tonidoID.com”.

Questa potrebbe essere una soluzione interessante se volete un cloud server personale in cui i file risiedono sul vostro computer e non su un server di terze parti.

5.pCloud

pCloud vi permette di usare i file direttamente dal desktop ed è disponibile sia per le architetture a 32 che a 64 bit.

Il piano gratuito prevede 10 GB di spazio e la possibilità di aggiungere ulteriori 10 GB tramite un sistema di referral.

6. CloudMe

CloudMe offre agli utenti un desktop virtuale con uno spazio gratuito di 19 GB.

Grazie alla sua applicazione client disponibile per tutti i maggiori sistemi operativi i vostri documenti rimarranno sempre organizzati come li avete lasciati anche quando accederete al vostro account da altri devices.

7. NextCloud

Nextcloud è una servizio di cloud storage Open Source che permette di eseguire il backup dei propri file in modo sicuro nel cloud e vi permette l’accesso tramite dei link privati.

La sua applicazione desktop è disponibile per tutti i maggiori sistemi GNU/Linux.

8. OwnCloud

Owncloud permette la sincronizzazione dei dati con il cloud in modo facile e sicuro e permette anche l’accesso ai file che sono stati condivisi con voi da Dropbox.

Come per la maggior parte dei servizi di cloud storage, anche Owncloud ha una premium edition che vi permette di avere un controllo più granulare sui vostri file.

9. StoAmigo

StoAmigo offre 2 GB di spazio gratuito a disposizione dell’utente, ha una UI ben fatta ed inoltre ha la possibilità di integrare anche Dropbox direttamente nel client, permettendo quindi uno scambio di file veloce tra le due piattaforme.

Queste sono solo alcune delle alternative più note a Google Drive, dato che quasi ogni giorno nascono nuove startup incentrate intorno al cloud storage, in quanto questo è quello che per molti rappresenta di più il futuro, avere i propri file personali o di lavoro sempre con se.

Per quanto il cloud storage sia un sistema comodo, ricordatevi che ci sono sempre dei rischi che i vostri dati vengano compromessi.

Per tanto vi consiglio di non mettere online i vostri dati più importanti e se proprio avete esigenza di farlo, criptate sempre i vostri file, la sicurezza non è mai troppa.

About Giuseppe Pignataro

GNU/Linux Jedi and Technology Lover. I collaborate on different open/free software project. Member of EFF and Libreitalia. Network and Sys Admin.

Check Also

Jpegoptim banner

Come ottimizzare e comprimere immagini JPEG con il terminale

Tutti quanti ormai abbiamo “tonnellate” di immagini che scattiamo ogni giorno e spesso abbiamo bisogno …