venerdì , agosto 18 2017
Home / Mobile / Android / 7 buoni motivi per usare una VPN
Banner_motivi_vpn

7 buoni motivi per usare una VPN

Se sei un utente normale o per meglio dire un normale cittadino e pensi quindi di non aver bisogno di un servizio VPN per le tue attività di tutti i giorni su internet, ci sono buone probabilità che stai pensando in modo sbagliato.

Una VPN può aiutarci ad accedere ai siti o ai servizi che sono ristretti nel tuo paese, salvarci dai rischi di hacking quando si usa una Wi-Fi pubblica, ecc.

Inoltre, una VPN ti da maggior controllo sulla tua privacy, che è un basilare diritto umano ma di cui spesso ci dimentichiamo.

Dopo le rivelazioni di Edward Snowden e le anche più recenti rivelazioni fatte da Wikileaks, che hanno dimostrato al mondo le pratiche di sorveglianza di massa che vengono usate dai governi, le tematiche relative alla sicurezza e alla criptografia sono diventate argomenti di discussione molto caldi nell’intero mondo tecnologico.

Ma dal punto di vista dell’utente comune o del cittadino comune quali sono le eventuali misure che si possono prendere per salvaguardare la privacy della nostra vista online di tutti i giorni?

Un primo passo utile è già quello di non inserire password o dati sensibili su siti che non sono criptati da HTTPS.

Ma anche se questo è utile per salvaguardare le nostre credenziali, questo non ferma il nostro ISP dal conoscere i siti che stiamo visitando.

Questa situazione di iper-controllo da parte degli stati nazionali e dalle varie entità che guadagnano con i nostri dati, ha bisogno di contromisure come le VPN.

Per quelle che non lo sapessero, le VPN possono essere considerate come delle reti private e controllate che ci permettono l’accesso ad Internet.

La nostra connessione al server VPN è criptata, la rete è sicura, ed è molto più difficoltoso per gli ISP e per le varie attività commerciali tracciare i nostri comportamenti su internet.

Ma dopo questa breve introduzione andiamo a vedere i motivi per cui è importante usare una VPN nella nostra vita di tutti i giorni.

1- Nascondere la nostra attività su Internet agli ISP e alle aziende commerciali.

Non penso che sia necessario andare oltre al titolo di questo primo motivo, il nostro ISP o aziende commerciali vivono grazie alle nostre informazioni che lasciamo ogni giorno su internet.

I siti che visualizziamo, le persone che contattiamo, i documenti che leggiamo sono tutti utili a creare un profilo psicologico di noi, che poi si trasforma in un profilo economico, in quanto ci vengono presentati servizi e prodotti che possono interessarci.

Anche se per qualcuno questo può sembrare una bella idea, non sappiamo esattamente come queste aziende gestiscono i nostri dati e questo non è un bene.

Dobbiamo fidarci delle parole di queste aziende ma c’è realmente da fidarsi? Be lascio a voi la risposta.

Per quanto riguarda invece gli ISP, la situazione è molto più nebulosa delle aziende commerciali, in quanto non si sa veramente come i singoli gestori gestiscono questi dati sensibili.

Oltretutto ora nell’America di Trump, gli ISP possono vendere i dati alle aziende.

Se questo non vi spaventa, penso che dobbiate abbandonare lo Xanax perché ne prendete davvero troppo 😉

2- Bypassare la censura del proprio governo.

Diverse nazioni non credono che internet debba essere offerto libero e aperto ai propri cittadini.

Il grande firewall cinese è uno di questi esempi, ma non l’unico.

Infatti non c’è bisogno di scomodare i nostri amici dagli occhi a mandorla per avere esempi di censura, anche la nostra nazione nel suo piccolo, cerca di censurare quando può.

I vari siti di streaming, Pirate Bay, sono solo alcuni degli esempi di censura presenti anche in Italia.

Una VPN può essere una soluzione per abbattere queste barriere.

3- Usare il Wi-Fi pubblico senza grossi rischi.

Ognuno di noi ama le cose gratis, non penso che ci sia dubbio su questo.

Lo stesso avviene quando internet ci viene offerto gratuitamente dal nostro ristorante preferito, o mentre siamo all’aereoporto.

Quando troviamo una rete pubblica aperta, ci connettiamo senza esitazione.

Ma sapete che queste connessioni non sicure per l’inserimento di dati confidenziali?

Sapete chi controlla o può leggere i vostri dati?

Sapete che la rete a cui vi state collegando può essere stata creata appositamente dal vostro vicino di tavolo solo per rubare i vostri?

Be se non lo sapevate adesso, ne potete avere maggiori coscienza.

4- Rendere sicure le vostre chiamate VOIP.

Il VOIP, o Voice-Over-IP, è un metodo economico per fare telefonate tramite internet.

Ma i servizi VOIP, possono essere compromessi da persone con cattive intenzione e con le conoscenze di come funziona l’architettura di Internet.

In questi casi usare un servizio VPN può tornare molto utile.

Anche se l’uso di una VPN in questo specifico caso può portare ad un leggero abbassamento della qualità delle chiamate.

5- Non farsi tracciare da Google.

Anche se questo discorso è stato ripreso nel primo punto, in quanto Google è una azienda commerciale, lo voluto ribadire di nuovo perché Google e i suoi servizi sono tra i più utilizzati al mondo.

Se siete abituati ad usare Google e i suoi servizi e non riuscite a distaccarvi, dovete aver coscienza che Google salva ogni vostra ricerca, movimento, attività, download ecc.

E non solo, ma grazie a Chrome e ad Android anche i nomi delle Wi-Fi dove ci colleghiamo e i dati di accesso ai siti che visitiamo sono salvati nei server di Big G.

Una VPN in questo caso può aiutare, e può aiutare se riuscite già almeno ad abbandonare il suo sistema di ricerca di rivolgervi a soluzioni open source che tutelano la vostra privacy come DuckDuckGo.

6- Scaricare file torrent.

Ognuno di noi ha nella sua vita digitale sicuramente incontrato e scaricato un file torrent.

Anche se una buona parte degli utenti usa i più noti siti web per scaricare film e musica, ci sono molti altri utenti che utilizzano torrent per scaricare contenuti pienamente legali.

E risaputo però che molti ISP non vedono di buon occhio il download dei torrent e oltre a filtrare le connessioni, andando quindi ad abbassare la qualità del servizio offerto, spesso possono segnalare questa nostra attività anche ai governi o alle società che si occupano di copyright.

Mettendoci quindi in una sorta di lista nera.

Anche in questo caso l’uso di una VPN può tornare utile.

7- La privacy è un diritto.

Tra tutti i motivi che abbiamo visto questo è il più importante ed è comunque strettamente correlato con tutti gli altri motivi.

Al giorno d’oggi, l’uso delle VPN sta crescendo rapidamente e sta diventando una pratica di sicurezza basilare per gli internauti di oggi.

Penso che le nostre tendenze, i nostri gusti, i nostri “vizi” debbano rimanere nostri, in quanto sono parte di ciò che siamo.

Sono parte integrante del nostro carattere e della nostra vita e non mi fa piacere sapere che qualcuno può accedere ai miei dati ed usarli per i propri scopi senza avere il mio permesso.

Se voglio condividere delle informazioni devo essere libero di scegliere cosa condividere e cosa no.

About Giuseppe Pignataro

GNU/Linux Jedi and Technology Lover. I collaborate on different open/free software project. Member of EFF and Libreitalia. Network and Sys Admin.

Check Also

Relax And Recover

Backup incrementali con Relax and Recover

Sui sistemi GNU/Linux, le soluzioni per garantirsi un sistema di backup sono davvero tante. Tuttavia …